Videogiochi: amici purtroppo dimenticati

I pensieri di chi scrive, e probabilmente anche di tanti altri che amano il mondo del gioco ed i siti di casino, sopratutto in questo periodo denso di disquisizioni solitamente negative nei suoi confronti, non possono non far ritornare la mente ai videogiochi che hanno allietato il percorso di tante persone: tante ancora ci giocano, seguendo i vari sviluppi di questo settore, ma tanti invece “degli amici videogiochi” se ne sono completamente dimenticati, confrontandosi con le più attuali e famigerate macchinette che, oltre al divertimento, riescono a dare, a volte ed anche inaspettatamente, qualche “riscontro economico” e, quindi, qualche vincita in danaro.

videogiochi dimenticatiMa che ne è dei cari e “vecchi” videogiochi senza vincita in danaro? Giochi di puro ed assoluto divertimento che sono stati “annientati” dalla forza commerciale e dalla dilagante presenza sui territori di quelli con vincita, dalla loro attrattiva accattivante, dalla loro grafica e dalla loro tecnologia sempre in rivoluzione. Ma videogiochi che vogliono “prepotentemente” ritornare alla ribalta del settore ludico per ritrovare il loro posto che compete loro e che per tanti anni sono stati i primi amici dei giocatori e li hanno accompagnati nelle ore spensierate e senza “rischi”.

Chi si può dimenticare una interminabile partita a Pac Man od a Space Invaders oppure la fine di una partita a flipper contornata dal suo tipico rumore? Sono veramente ricordi troppo lontani e nostalgici che hanno lasciato il posto a giochi sofisticati, accessibili da smartphone e da tablet: quindi, il caro e vecchio amico videogioco è stato soppiantato dalla generazione delle Awp e delle Vlt che hanno relegato in un angolo le apparecchiature di puro intrattenimento, ben presto allontanate dalla memoria!

A parte i giochi per bambini ed altre simili attrazioni, magari presenti nelle località turistiche o nei centri commerciali, negli anni si è assolutamente ridotta la diffusione dei “vecchi” videogame con la nascita come detto delle Awp e delle Vlt. Con l’uscita delle “famigerate slot machine”, però, è stato anche previsto l’obbligo di affiancare loro un apparecchio senza vincita in danaro che assai frequentemente corrisponde oggi ad una freccetta elettromeccanica di piccole dimensioni, pressocchè inutilizzata e lasciata in disparte.

Per quello che riguarda la situazione economica di gestione degli apparecchi senza vincita in danaro e dei casino online aams, essendo apparecchi estranei all’attività di raccolta di giocate e senza intervento del concessionario di rete, il rapporto tra gestore ed esercente rientra nelle prestazioni di servizio regolate da un contratto: in pratica nel modello di apparecchio più in uso il gestore installa l’apparecchio presso i locali ed effettua periodicamente il conteggio dell’ incasso in danaro od in gettoni e lo ripartisce con l’esercente in base appunto agli accordi contrattuali. Ben poca cosa, quindi, per rivestire interesse per l’esercente che senza dubbio ha più tornaconto con le “famigerate macchinette” che rivestono interesse maggiore nel pubblico e procurano, ovviamente, più introiti.

Ecco, quindi, che anche con queste “posizioni” negli esercizi i cari e vecchi amici videogiochi non suscitano più l’interesse di un tempo, ma vivono solo la loro presenza in quanto imposti sui giochi con vincita in danaro certamente più appetibili: ma le cose stanno probabilmente cambiando ed il mondo del gioco sarà costretto a ricredersi con le apparecchiature senza vincita in danaro che sono “quelle” che non recano rischi né di quattrini né tanto meno di cadute in abusi così difficili da affrontare, sopportare e risolvere. La loro rinascita dovrebbe essere vicina!

Share this post:

Recent Posts

Leave a Comment

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code