I punti focali per scegliere un broker finanziario

Operare in Borsa, cercando soprattutto di far fruttare il proprio capitale, non è certamente un’impresa alla portata di tutti. Eppure, nonostante ciò, sono sempre di più i piccoli investitori che iniziano a muoversi all’interno di mercati giganteschi e pieni di rischi dove, normalmente, fanno i loro affari banche centrali, governi e multinazionali.

La percentuale è ancora bassa, ma i trader di nuova generazione cominciano a far sentire il loro peso. Queste persone però difficilmente operano da sole, preferendo piuttosto affidarsi all’intermediazione di abili broker che li guidino nel trading.

Scegliere un broker finanziarioIl broker è per l’appunto quello specialista che fa da intermediario tra l’investitore e il mercato. Sono migliaia i professionisti che mettono sulla piazza le loro capacità e sceglierne uno tra questi, districandosi tra grandi società di brokeraggio e aziende più piccole ed emergenti, non è di sicuro semplice per chi è senza esperienza. Quali sono allora i criteri di base per trovare il proprio broker finanziario? Oltre ai consigli che seguono puoi visitare http://www.e-conomy.it/migliori-broker-opzioni-binarie/ per altre indicazioni.

La prima discriminante da prendere in considerazione, forse la più importante, è la commissione richiesta dal proprio broker. Il guadagno che un broker riesce a ricavare dagli scambi di un cliente si chiama spread, ovvero la differenza, espressa in pips, tra il prezzo di acquisto e quello di vendita.

Lo spread varia a seconda del professionista scelto e conoscere i margini di guadagno del proprio agente è sicuramente un fattore importante da tenere a mente.

Collegato a tutto ciò, c’è un secondo fattore importantissimo: bisogna sapere che esistono varie tipologie di trading. A seconda della strategia adottata, varia lo spread necessario per agire e quindi il broker, che potrà essere un rapido “scalper”, capace di aprire e chiudere decine di posizioni giornaliere con uno spread molto basso, o un esperto in “medio termine”, dalle commissioni molto più alte. Ecco quindi che la scelta si restringe.

Non bisogna poi dimenticare che siamo nel pieno dell’Era Digitale e che ormai tutto, anche la Borsa, deve fare i conti con la Rete. Chi vuole muoversi nel mondo del trading online, dovrà farlo con estrema cautela, perché se si è alle prime armi, gli automatismi offerti dalle numerose piattaforme broker non potranno mai sostituirsi del tutto al supporto offerto da un professionista del settore.

In ogni caso, comunque, bisognerà sempre scegliere con attenzione e con la consapevolezza che, almeno all’inizio, si potrà sbagliare. Cercando di limitare i danni e facendo la giusta esperienza, incontrerete il broker che fa per voi.

Share this post:

Recent Posts

Leave a Comment