Pubblicazioni matrimonio Chiesa e Comune: tutte le regole

Pubblicazioni matrimonio Chiesa e Comune: quali sono i tempi previsti, quali sono le regole fondamentali

Pubblicazioni matrimonio Chiesa e ComuneIl matrimonio è una scelta seria, molto importante, sia che decidiamo di far partecipare anche la Chiesa – e quindi di contrarre un matrimonio anche valido, a tutti gli effetti, dal punto di vista ecclesiastico – sia che scegliamo di effettuare un matrimonio solo civile. In ognuno dei due casi, infatti, stiamo decidendo di dedicare ed offrire la nostra vita ad un’altra persona, che si impegnerà a fare lo stesso.

Quando si pensa al matrimonio, la prima cosa che in genere ci viene in mente è quella relativa alle scelte più “leggere”, quelle che possono riguardare, ad esempio, la scelta degli addobbi, dei fiori, dell’abito nuziale, e della festa a tutti gli effetti. Bisogna però anche prendere in considerazione un altro aspetto, che è quello relativo alle incombenze burocratiche; e tra esse ricordiamo in particolare le pubblicazioni, che nel caso di matrimonio concordatario vanno eseguite sia in Chiesa che al Comune.

Quali sono, allora, le tempistiche da rispettare? Le pubblicazioni in Chiesa vanno effettuate dal parroco dopo il cosiddetto “processetto”, ed i tempi in cui devono essere affisse alla bacheca sono di due domeniche consecutive. Invece, per quel che riguarda il Comune, esse devono essere affisse per un periodo di otto giorni, al termine dei quali si hanno 180 giorni di tempo per contrarre matrimonio.

Share this post:

Recent Posts

Leave a Comment

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code